“Un’azione così violenta e dimostrativa non si era mai registrata” ha detto il capo della squadra Mobile di Palermo Rodolfo Ruperti commentando il violento agguato allo Zen del 23 marzo.
bil/pc/red