“Ci siamo attivati per aggiornare costantemente le Regioni e stimolarle a segnalare eventuali casi sospetti. Sono arrivate alcune segnalazioni e su queste si sta indagando in maniera molto approfondita”. Lo dice Giovanni Rezza, direttore generale della Prevenzione del ministero della Salute.

sat/red